Seleziona una pagina
Condividimi

Qualcuno ha sentenziato che “non si legge più”. Nulla di più sbagliato: tra messaggi, siti e slide le persone non hanno mai letto così tanto. Semplicemente i nuovi lettori non sono più in grado di recepire la conoscenza nei formati lunghi e complessi, adatti al secolo scorso. Se la capacità di attenzione media delle persone è scesa a 8 secondi (siamo al livello di un pesce rosso) è necessario ripensare la complessità in un formato capace di creare attenzione, valore e conoscenza nel piccolo spazio tempo che abbiamo a disposizione. Per farlo servono gli shorter, creativi ed esperti di brevità che aiutano le case editrici a ideare progetti editoriali short, veloci da realizzare, testare, lanciare…ma soprattutto da capire e da amare.

 

 

 

 

 

Condividimi